Smart maintenance: come riduci i fermi macchina con l’IIoT

16 Settembre 2021

Una fabbrica smart non può fare a meno di una smart maintenance che migliora significativamente la performance degli impianti produttivi. Lo fa innanzi tutto riducendo i fermi macchina grazie al monitoraggio continuo dei sistemi di fabbrica, realizzato attraverso l’analisi dei dati che provengono dai sensori intelligenti connessi alle macchine (Industrial Internet of Things – IIoT). Il risultato non si limita alla riduzione del fermo degli impianti, ma si può estendere alla capacità di ottimizzare le attività di manutenzione, in termini di tempi e costi, grazie a una miglior organizzazione del processo.

La manifattura nel suo complesso può fare un salto di qualità grazie alla disponibilità di sensori incorporati nelle macchine e attuatori, software specializzati e una connettività generalizzata. Ma tutto ciò non produce i risultati attesi senza l’adozione della smart maintenance.

Smart maintenance, oltre la manutenzione tradizionale

Ci sono diversi modi di affrontare la manutenzione. Quello tradizionale si caratterizza per un approccio reattivo (manutenzione corretiva), che risponde ai guasti delle macchine e dei dispositivi dopo che sono avvenuti ed è chiaramente il modo meno efficiente.

Un vero e proprio passo in avanti è dunque quello rappresentato dalla manutenzione preventiva, che da un lato coinvolge gli operatori a effettuare una manutenzione continua, dall’altro richiede interventi specialistici periodici che vanno programmati e coordinati. La capacità di sfruttare la potenza dei dispositivi connessi e dell’IIoT, consente di fare evolvere anche la TPM (Manutenzione Produttiva Totale) per perseguire l’obiettivo di riduzione dei fermi macchina. La capacità di incorporare software intelligente nei dispositivi interconnessi (IIoT) diventa un fattore chiave per realizzare una diagnostica e una manutenzione proattiva, aumentando il livello di efficienza e di controllo.

È questo il mondo della manutenzione predittiva che, analizzando in tempo reale i dati che provengono dalle macchine (via IIoT), è in grado di scoprire le possibilità future di guasti e malfunzionamenti con le relative probabilità, a partire dai comportamenti passati. È il primo passo verso strategie di manutenzione ottimizzata, dove i dispositivi e gli operatori collaborano in modo proattivo per la manutenzione, grazie ai dati, per prevedere eventi futuri e diagnosticare potenziali problemi prima che si verifichino.

L’orchestrazione della smart maintenance

La smart maintenance è un progetto organizzativo per la gestione della manutenzione degli impianti di produzione in ambienti con tecnologie digitali pervasive. Tale definizione chiarisce la  logica multidimensionale su cui si fonda: il processo decisionale guidato dai dati, le risorse umane, l’integrazione interna e l’integrazione esterna. È relativa all’organizzazione e l’esecuzione di attività, in genere sono ordini di lavoro eseguiti da diversi attori che concorrono al processo di manutenzione: gli operatori di fabbrica, gli stessi device intelligenti, le squadre di manutenzione interne ed esterne, esperti qualificati dell’azienda o del fornitore degli impianti.

Indipendentemente dai modelli adottati, a partire dall’analisi dei dati dal campo che provengono dai sensori connessi all’IIoT, la scelta si dovrebbe orientare verso un unico sistema di smart maintenance capace di automatizzare e rendere fluido il processo complessivo. Questo dovrà gestire, anche attraverso alert, la manutenzione ordinaria e straordinaria, tenendo traccia delle attività (completamento manutenzioni, ritardi, statistiche di esecuzione, e simili) e della documentazione tecnica, per ottimizzare il lavoro dei diversi attori, grazie alla condivisione delle informazioni che dovranno essere disponibili preferibilmente on line.

Un sistema di smart maintenance è un tassello indispensabile all’interno di un percorso verso la smart manufacturing, a sua volta caratterizzata non tanto da un aggregato di singole macchine e applicazioni intelligenti, quanto da un insieme di soluzioni innovative armonizzate in un unico ecosistema digitale capace di interconnettere processi di business, sistemi, dati, persone e oggetti.

white_paper_Guida alla manifattura 4.0